Come gestire il contributo da ASD a ASD?

Pubblicato il 31/10/18 in Amministrazione e fisco, tornaconto&c. risponde

Manuel:

La nostra ASD si occupa di danza e ospita al proprio interno un’altra ASD che si occupa di ginnastica. Come dobbiamo gestire il “contributo” che riceviamo dalla ASD di ginnastica per l’utilizzo dei locali?

 

Tornaconto&c. risponde:

In base alle poche informazioni che scrivi riteniamo che l’operazione rientri nell’ambito di applicazione dell’IVA e quindi dovreste emettere regolare fattura.

Per definire quel “contributo” un semplice contributo all’attività sportiva dovrebbero essere presenti congiuntamente tre precise condizioni:

  • i soggetti che effettuano le operazioni devono essere gli organismi tassativamente indicati dalla normativa (e le ASD lo sono);
  • coloro che beneficiano della cessione o prestazione devono essere “altre associazioni che svolgono la medesima attività e che fanno parte di un’unica organizzazione locale o nazionale”;
  • le cessioni o prestazioni devono essere svolte “in diretta attuazione degli scopi istituzionali”.

Nel vostro caso mancherebbe almeno una delle tre condizioni, in quanto non svolgete la medesima attività (voi fate danza e loro ginnastica).

Di conseguenza gli importi versati dalla ASD “ospitata” non possono essere considerati un contributo istituzionale.

Vuoi farci anche tu una domanda?  Scrivici.

I commenti sono chiusi