La ASD deve cambiare destinazione d’uso dei locali?

Ruben:

Abbiamo fondato una ASD ma abbiamo problemi con la sede che abbiamo affittato perché il Comune dice che dobbiamo cambiare la destinazione d’uso dei locali. È giusto? Ce lo confermi?

 

Tornaconto&c. risponde:

In base alla normativa ancora vigente, quindi senza considerare le  modifiche apportate dalla riforma del Terzo Settore,  solo le associazioni di promozione sociale (APS) iscritte ad un registro (locale o nazionale) possono scegliere una sede a prescindere dalla destinazione d’uso dei locali (legge 383/2000).

Attenzione però: l’art.71 del  Codice del Terzo Settore  ha allargato a tutti gli enti iscritti al Registro Unico nazionale del Terzo Settore la possibilità di svolgere attività istituzionali (solo istituzionali) in qualsiasi area.

Quindi la destinazione d’uso dei locali non sarà più un problema per molti enti non profit.

Ma purtroppo le ASD non rientrano tra le categorie di Enti del Terzo Settore previste dal Codice.

Leggi i nostri articoli di approfondimento sul  Registro Unico Nazionale del Terzo Settore.

Vuoi farci anche tu una domanda?  Scrivici.