Legge di bilancio 2017: le principali novità

Pubblicato il 14/12/16 in Amministrazione e fisco parlamento

Il Parlamento ha approvato la legge di bilancio 2017, convertendo il  decreto 193/2016.  Di seguito elenchiamo le principali novità che potrebbero interessare le organizzazioni non profit.

 

Legge di bilancio: provvedimenti per il Terzo Settore

Regime IVA L.398/1991

È elevato da 250.000 a 400.000 euro il limite massimo degli utili conseguiti annualmente dalle associazioni non profit e dalle società sportive dilettantistiche necessario per accedere alle agevolazioni fiscali loro riservate.

Incentivi per beni strumentali

Sono introdotti incentivi a favore di enti pubblici e privati senza scopo di lucro (comprese le ONLUS) per l’acquisto di beni mobili strumentali. I beni devono essere utilizzati esclusivamente per la distribuzione gratuita di prodotti alimentari e non, a fini di solidarietà sociale e per la limitazione di sprechi. A tali soggetti è riconosciuto un contributo fino al 15% del prezzo di acquisto, entro la soglia di 3.500 euro annui.

 

Legge di bilancio: cartelle esattoriali, controlli e spesometro

Soppressione di Equitalia

Equitalia chiuderà i battenti il 1° luglio 2017. L’attività di riscossione dei tributi sarà svolta dalla nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione (soprannominata “Equientrate”), controllata dall’Agenzia delle Entrate e subordinata alla vigilanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Al momento in cui scriviamo, le regole “d’ingaggio” del nuovo ente restano le stesse di Equitalia, quindi per il contribuente finale non dovrebbe cambiare molto.

Rottamazione delle cartelle esattoriali

La misura prevede il pagamento della somma intera senza mora e interessi. La misura si riferisce non solo alle cartelle esattoriali notificate tra il 01/01/2000 e il 31/12/2015, ma anche a quelle assegnate nel 2016.

Voluntary disclosure

La possibilità di aderire è stata prorogata fino al 31/07/2017. La voluntary disclosure è lo strumento che permette ai contribuenti di regolarizzare la propria posizione fiscale autodenunciandosi allo Stato. Chi utilizzerà la misura pagherà le tasse, ma riceverà uno sconto sulle sanzioni e sulla mora. Riceverà anche un condono sui reati connessi (esclusi quelli gravi).

Cambia lo spesometro

Per le associazioni con partita IVA, dal 1° gennaio 2017 lo spesometro diventa trimestrale. Le modalità e il dettaglio delle informazioni da trasmettere saranno definite da un successivo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

 

Legge di bilancio: misure sugli immobili

Riqualificazione energetica

È confermata per tutto il 2017 la detrazione delle spese relative a interventi di riqualificazione energetica, nella misura maggiorata del 65% e il bonus mobili. Le regole e le detrazioni cambiamo in caso di lavori effettuati nei condomini.

Ristrutturazione edilizia e misure antisismiche

Anche il “bonus ristrutturazioni” è prorogato fino al 31/12/2017, con aliquote diverse in base alla casistica.

Acquisto mobili e grandi elettrodomestici

È confermato per il 2017 anche il “bonus arredi”, cioè la detrazione del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+.

 

Legge di bilancio: altre disposizioni

Pagamenti con modello F24

Per le associazioni senza partita IVA è soppresso l’obbligo dell’F24 telematico per i pagamenti superiori a 1.000 euro.

Riduzione aliquota IRES

A decorrere dal 1° gennaio 2017, l’aliquota IRES scende dal 27,50% al 24%. Gli Enti non commerciali, in quanto soggetti passivi dell’IRES, (compresi quelli che applicano il regime forfetario ex Legge n. 398/1991) potranno godere dell’agevolazione.

Bonus per strumenti musicali

È riproposto il bonus per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo da parte degli studenti iscritti a licei musicali e conservatori. Il contributo è pari al 65% del prezzo finale, per un massimo di 2.500 euro. Le modalità attuative saranno definite da un successivo provvedimento delle Entrate.

Infine, per quanto riguarda le scadenze dei dichiarativi (CU, redditi, 770, irap, ecc.), bisognerà attendere le comunicazioni specifiche dell’Agenzia delle entrate.

Hai bisogno di chiarimenti su questo argomento? C’è una detrazione che ti interessa e vorresti capire se la tua associazione può beneficiarne?  Contattaci.

I commenti sono chiusi