Torneo sportivo con premi in denaro: si può fare?

Pubblicato il 30/11/18 in Amministrazione e fisco, tornaconto&c. risponde

Patrizio:

La nostra ASD vorrebbe organizzare un torneo sportivo di tennis e pensavamo di mettere in palio dei premi in denaro. Si può fare?

 

Tornaconto&c. risponde:

Trattandosi di ASD diamo per scontato che l’associazione sia iscritta al Registro 2.0 del CONI. Le risposte che seguono vanno quindi lette con questa premessa.

I tornei sportivi organizzati da ASD e SSD relativamente a discipline riconosciute dal CONI possono prevedere vincite di premi in denaro.

Tali vincite però dovranno essere assoggettate alla specifica disciplina fiscale.

L’art.37 della L.342/2000  ha assimilato la disciplina dei premi erogati nell’ambito di competizioni sportive dilettantistiche a quella prevista per le indennità di trasferta, i rimborsi forfettari di spesa ed i compensi  dell’art.67 c.1 lettera m del TUIR.

Bisognerà quindi applicare la suddetta normativa e verificare l’eventuale superamento – da parte dei vincitori – del limite di esenzione annuale di € 10.000,00.

Per completezza d’informazione, ti consigliamo di leggere anche il nostro articolo sulle  regole per i tornei ed i giochi di sorte.

Vuoi farci anche tu una domanda?  Scrivici.

I commenti sono chiusi