Avere molti soci minorenni comporta problemi?

Gianna:

Abbiamo molti soci minorenni e vorremmo capire se questo comporta problemi. È meglio far associare un genitore?

 

tornaconto&c. risponde:

Il tema è delicato e non è possibile darle una risposta chiara senza sapere che tipo di ente siete, quali attività svolgete e qual è la vostra organizzazione interna.

In linea di massima la questione dei soci minorenni è collegata alla mancanza legale di capacità di agire, che impedisce loro di esercitare il voto in assemblea dei soci.

Il principio di democraticità è uno dei cardini dell’associazionismo, tanto che è sancito dalle normative riguardanti tutte le tipologie associative.

In ultimo è stato confermato dal Codice del Terzo Settore  (D.Lgs 117/2017).

Dal rispetto di questo principio – insieme ad altri – derivano anche le agevolazioni fiscali di cui gode il Terzo Settore.

Ecco perché è fondamentale prestare molta attenzione alla presenza di soci minorenni e alla loro partecipazione attiva all’interno dell’ente.

Se il numero dei soci minorenni è elevato, ma non pregiudica il principio di democraticità perché il numero dei soci maggiorenni consente uno svolgimento regolare delle assemblee, non dovrebbero esserci problemi.

Se invece i soci minorenni sono la stragrande maggioranza, si potrebbe valutare la possibilità di tesserare i genitori più attivi e sollecitarli a candidarsi a qualche carica associativa.

Per approfondire l’argomento legga l’articolo che abbiamo pubblicato sui  minorenni ed il diritto di voto in assemblea.

Infine, se volesse analizzare la situazione del suo ente nel dettaglio e sapere quale soluzione sia migliore nel suo caso,  ci chieda una consulenza specifica.

Vuoi farci anche tu una domanda?  Scrivici.