Essere un’associazione: armiamoci e partiamo

Dopo anni di assemblee dei soci,  corsi  e  seminari, potrei stilare un elenco delle domande fatidiche che un’associazione si pone prima o poi nella vita.

Che io sia in mezzo a ricamatrici, giocatori di subbuteo o artisti, ci sono domande che vengono sempre fuori.

Le vostre domande mi hanno fatto capire che non è semplice avere delle risposte puntuali su cos’è e come funziona un’associazione.

Soprattutto per quelle associazioni che non hanno alle spalle strutture nazionali o consulenti preparati sul Terzo Settore.

Per questo motivo ho deciso di provare a darvi qualche consiglio attraverso una rubrica.

Cercherò di chiarire dubbi, approfondire alcuni aspetti legati alla gestione di un’associazione e mi piacerebbe farlo insieme a voi.

Quindi armatevi di tastiera e  scrivetemi gli argomenti che vorreste approfondire. Li farò diventare temi dei prossimi articoli.

 

Creare un’associazione

Come ogni storia che si rispetti, partiamo dall’inizio, ossia dall’idea di creare un’associazione.

Un’associazione nasce quando un gruppo di persone si unisce per perseguire uno scopo.

Gli scopi possono essere i più vari e diversi tra loro. In generale potremmo dire che ci si unisce per la voglia comune di partecipare alla crescita e al benessere propri e della società in cui si vive.

Le associazioni si distinguono dagli enti commerciali (società, imprese, ecc.) perché sono enti senza scopo di lucro che svolgono attività in favore di associati o di altre persone.

Al contrario l’ente commerciale, data la prevalenza della finalità di carattere economico sugli altri scopi, ha come obiettivo il perseguimento di un utile.

Queste forme di aggregazione non commerciali sono riconosciute dalla legge italiana, che le tutela espressamente  (art. 18 Costituzione Italiana).

L’associato contribuisce in prima persona al raggiungimento dello scopo prefissato, attraverso la propria attività. Può mettere a disposizione la propria professionalità o le abilità che ha, oppure può contribuire economicamente (quote associative o altri versamenti).

Le quote associative costituiscono la principale forma di autofinanziamento dell’associazione.

Gli eventuali utili non potranno essere ridistribuiti tra i soci, ma dovranno essere reinvestiti nelle attività future dell’ente.

 

Le varie forme associative

La forma associativa che assumerà l’ente non profit dipenderà dallo scopo che si vuole perseguire, dalle attività che verranno svolte e dai destinatari (associati e/o terzi).

Le varie tipologie di associazioni si distinguono in base alle:

  • attività di utilità sociale (culturali, ricreative, sportive dilettantistiche, assistenziali turismo sociale, tutela della dignità umana, promozione della pace e solidarietà tra i popoli) svolte a favore dei soci e a favore di terzi. Le attività rivolte ai soci vengono considerate istituzionali e irrilevanti ai fini fiscali, le attività rivolte ai terzi sono considerate commerciali e rilevanti ai fini fiscali;
  • attività di solidarietà sociale diretta ai fini altruistici (sociale, socio sanitario, tutela dei beni culturali e ambientali, soccorso e protezione civile), svolte a favore a soggetti terzi non soci svantaggiati.

 

Qualche consiglio prima di partire

È fondamentale focalizzare subito che tipo di associazione è più adatta a noi, in base alle attività che abbiamo in mente di fare e ai beneficiari di queste attività.

Solo in questo modo sceglieremo la forma associativa che risponderà meglio ai nostri bisogni e permetterà alla nostra “creatura” di svilupparsi.

Purtroppo la scelta spesso viene determinata esclusivamente da fattori di convenienza economica (alcune forme hanno più agevolazioni di altre).

Questo mette l’associazione in una posizione di sfavore in caso di controlli e potrebbe impedirle di attuare alcune specifiche attività in futuro.

Il consiglio quindi è quello di partire con il piede giusto: siamo onesti, coerenti e precisi.

Mettiamoci un vestito che descriva esattamente chi siamo e cosa facciamo, senza sotterfugi e complicazioni.

Il passo successivo sarà dare forma all’organizzazione dell’associazione mettendo per iscritto gli accordi degli associati, la suddivisione dei compiti e la nomina degli organismi dirigenti.

Cioè scrivendo l’atto costitutivo e lo statuto. Di questo parleremo nella  prossima puntata.

Germana Pietrani Sgalla

Vuoi avere maggiori informazioni su questo argomento? Vieni al seminario o  scrivici.

banner seminario