La relazione illustrativa delle raccolte fondi

Cosa bisogna scrivere nella relazione illustrativa del rendiconto delle raccolte fondi? Vediamolo insieme.

La  raccolta fondi  è una delle attività più importanti e socialmente rilevanti che viene organizzata dagli enti non profit.

Può servire a molti scopi, per esempio a:

  • finanziare le attività dell’ente;
  • finanziare una specifica attività, un servizio, un’opera di manutenzione straordinaria, ecc.;
  • far conoscere l’ente e le proprie iniziative.

Le norme vigenti dicono chiaramente che ad ogni raccolta fondi deve corrispondere:

  • un rendiconto chiaro delle entrate e delle uscite;
  • una relazione illustrativa.

Del rendiconto abbiamo parlato più volte durante i nostri  seminari gratuiti.  Invece la relazione illustrativa cos’è? Come e quando bisogna scriverla? Per quanto tempo deve essere conservata?

Ecco tutte le risposte.

 

Cos’è la relazione illustrativa?

La relazione illustrativa è un documento nel quale vanno spiegate le voci di entrata e di uscita contenute nel rendiconto della raccolta fondi.

Nel documento bisogna riportare:

  • l’obiettivo della raccolta;
  • i responsabili della raccolta ed il personale dedicato;
  • le modalità, la tempistica ed i luoghi di raccolta;
  • i beneficiari;
  • l’importo dei fondi raccolti in base alla documentazione attestante i singoli versamenti;
  • le somme effettivamente destinate alle attività;
  • la descrizione dettagliata delle attività per le quali la raccolta è stata attivata.

 

A cosa serve la relazione illustrativa?

È un documento che serve a chiarire agli enti accertatori come sono stati raccolti i soldi e come sono stati utilizzati.

È anche uno strumento prezioso di trasparenza nei confronti:

  • dei donatori, che hanno dato fiducia al progetto e all’ente donando somme preziose;
  • dei beneficiari, che hanno modo di verificare la gestione dei fondi da parte dell’ente;
  • della cittadinanza, che può rendersi conto del lavoro prezioso che l’ente ha svolto per la collettività o per una causa comune (e magari da questa consapevolezza possono derivare nuovi soci e volontari).

 

Qual’è la tempistica?

Il rendiconto e la relazione illustrativa vanno redatti entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale.

Entrambi i documenti vanno conservati per 10 anni, così come sancito  dall’art.2220 del Codice civile.

In caso di controversia legale, i documenti devono essere conservati anche oltre tale periodo, fino a quando non sia divenuto definitivo l’accertamento relativo al periodo d’imposta cui il rendiconto stesso si riferisce.

 

In conclusione

Non pensiamo al rendiconto delle raccolte fondi e alla relazione illustrativa come a incombenze burocratiche che tolgono tempo alle nostre attività.

In realtà sono molto di più di un obbligo amministrativo. Sono uno strumento prezioso per comunicare cosa facciamo e il valore della nostra organizzazione all’interno della comunità di cui facciamo parte.

Ci aiutano a dimostrare, con l’esempio concreto della raccolta fondi, cosa siamo capaci di fare e quali valori abbiamo.

Di questi tempi la fiducia dei donatori o degli enti finanziatori è una risorsa preziosissima; di conseguenza la rendicontazione e la trasparenza devono diventare principi fondamentali per tutti gli enti non profit.

Aggiungo che il  Codice del Terzo Settore  ha cambiato anche alcune regole della raccolta fondi (art.7, art.79 comma 4 lettera a, art.87 comma 6).

Ma, in attesa che vengano emanati i relativi atti ministeriali, consiglio di ripassare le  linee guida  per la raccolta dei fondi pubblicate dalla defunta Agenzia per il Terzo Settore.

Germana Pietrani Sgalla

Vuoi maggiori informazioni su questo argomento? Vuoi sottoporci un caso specifico?  Scrivici