I certificati medici sportivi sono dati sensibili?

Diletta:

In base alle nuove regole sulla privacy i certificati medici sportivi che chiediamo ai soci sono da considerare dati sanitari? Quindi sono dati sensibili?

 

Tornaconto&c. risponde:

In realtà la questione dei certificati medici è stata già chiarita dal Garante della privacy con la  nota n.41878 del 31/12/1998.

Il certificato medico che sancisce l’idoneità sportiva (agonistica o amatoriale) non è un dato sanitario, ma un dato personale.

Al contrario, il certificato che sancisce la non idoneità è un dato sanitario perché nel documento si fa riferimento alla patologia che rende sconsigliabile l’attività sportiva.

Il nuovo  Regolamento UE  sulla gestione e protezione dei dati personali (GDPR) a quale fai riferimento è entrato in vigore il 25/05/2018.

Il Regolamento non ha cambiato le impostazioni sul certificato medico, ma ha modificato le procedure di gestione dei dati, sia quelli personali che quelli particolari (cioè sensibili).

Per approfondire le regole del GDPR ti consigliamo di studiare  le slides  del nostro seminario gratuito.

Vuoi farci anche tu una domanda?  Scrivici.

Condividi su :

Iscriviti alla nostra newsletter

È comoda, gratuita e ti arriva ogni 15 giorni.
Di sabato, così puoi leggerla con calma quando vuoi.